Le case in legno prefabbricate sono un’alternativa sempre più diffusa al tradizionale binomio mattone-cemento, tanto da riscuotere un progressivo consenso sia da parte di privati che di enti pubblici. Le ragioni di tale preferenza sono da addurre a una serie di fattori d’interesse economico, estetico e funzionale. Rispetto ad una costruzione tradizionale, gli edifici prefabbricati in legno hanno costi minori, tempi di realizzazione inferiori, funzionalità all’avanguardia e, se realizzate in bioedilizia, il loro valore commerciale incrementa nel tempo.

Nonostante il termine prefabbricate faccia comunemente pensare a qualcosa di precario o di limitato, in realtà queste abitazioni sono durevoli e resistenti tanto quelle tradizionali. Le moderne tecnologie edilizie, infatti, prevedono l’uso di materiali strutturali, come il legno di abete, di ottima qualità e adeguatamente trattato per restare a lungo inalterato. Possono essere dotate di una struttura portante antisismica, perciò ideali per le zone soggette a tali fenomeni.
Il fatto che siano parzialmente realizzate non esclude la personalizzazione e la flessibilità modulare, consentendo all’acquirente di configurare gli spazi e le rifiniture secondo le proprie esigenze.
Il livello di qualità abitativa di queste case è elevato, grazie alla loro solidità strutturale, all’isolamento acustico e termico che sono in grado di garantire e alla salubrità ambientale.

case prefabbricate in legno progettate su misura
Al momento della sottoscrizione del contratto di acquisto, si può scegliere tra due soluzioni: consegna allo stato grezzo, oppure chiavi in mano. Nel primo caso si disporrà di tutta la struttura interna ed esterna (fondamenta, tetto, infissi, pareti interne, predisposizione degli impianti, grondaie esterne) ad eccezione della pavimentazione finale e degli impianti elettrici, idrici e termici, che verranno completati dal proprietario. Nel secondo caso, invece, si potrà disporre di un’opera completata nelle rifiniture e nell’impiantistica e pronta per essere abitata.

La tipologia abitativa di un edificio prefabbricato può seguire diversi modelli, dal solo piano terra a più piani, poiché le fondazioni vengono sempre realizzate in cemento armato.
Le pareti esterne hanno uno scheletro in legno massiccio coibentato da pannelli isolanti composti da materiali che lo stesso cliente può scegliere, come lana di roccia, oppure fibra di legno, o altro. Il solaio è in legno massiccio e può essere fissato con travi a vista molto decorative. L’intera struttura può essere dotata di balconi e di logge, esattamente come un’abitazione in muratura. Il tetto, anch’esso in legno massiccio, è rivestito di materiale ignifugo e isolante, con manto di copertura impregnato.

La predisposizione all’elevato risparmio energetico fanno di queste case un efficace traguardo per uno stile di vita ecocompatibile.